Ordinanza regionale n. 574: linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative

Il 17 maggio il Presidente di Regione Lombardia ha firmato l’Ordinanza n. 547, che integra le misure approvate dal Decreto Legge del 16 maggio 2020. Le disposizioni riportate nell’Ordinanza di Regione Lombardia hanno validità fino al 31 maggio 2020 e si applicano a tutto il territorio regionale.

L’Ordinanza regionale n. 547 prevede che:
– dal 18 maggio è possibile spostarsi all’interno del territorio regionale e non è più necessaria l’autocertificazione. Sono inoltre consentiti gli spostamenti verso le seconde case o per raggiungere le proprie imbarcazioni e vengono eliminate le limitazioni alla navigazione lacuale e fluviale.
– fino al 2 giugno compreso rimangono vietati gli spostamenti verso altre Regioni, se non per esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. In questi casi occorrerà fornire un’autocertificazione.
– È confermato l’obbligo di indossare mascherine o qualsiasi altro indumento a protezione di naso e bocca, anche all’aperto, tranne nel caso di intense attività motorie o sportive.
– per i soggetti sottoposti a quarantena resta il divieto assoluto di muoversi dalla propria abitazione o dimora fino al momento in cui non viene accertata la guarigione.
non sono invece consentite le attività, neanche all’aperto, di piscine e palestre.
– le attività economiche e produttive sono consentite a condizione che si rispettino i contenuti dei protocolli o delle linee guida Inail, in modo da assicurare livelli adeguati di protezione per prevenire o ridurre il rischio di contagio. Il mancato rispetto dei protocolli o delle linee guida determina la sospensione dell’attività fino al momento in cui vengono ripristinate le condizioni di sicurezza.
– fino al 31 maggio, sono previste ulteriori prescrizioni e raccomandazioni per i datori di lavoro rispetto a quanto già indicato dall’Ordinanza n. 546 del 13 maggio, che prevede l’obbligo di misurazione della temperatura di tutti i dipendenti, di comunicare tempestivamente i casi sospetti all’ATS di riferimento, e la raccomandazione di scaricare e utilizzare l’app “AllertaLom” compilando il questionario “CercaCovid”.
la misurazione della temperatura dei clienti / utenti è fortemente raccomandata, mentre diventa obbligatoria in caso di accesso ad attività di ristorazione con consumo sul posto.

 

Linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative

Con l’Ordinanza n. 547 sono state approvate anche le specifiche linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche e produttive applicabili al territorio lombardo tra cui quelle che interessano anche il settore turistico:
• RISTORAZIONE
• STABILIMENTI BALNEARI E SPIAGGE
• STRUTTURE RICETTIVE
• COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA E AGENZIE DI VIAGGI
• MUSEI, ARCHIVI E BIBLIOTECHE, LUOGHI E MONUMENTI STORICI E ALTRE ATTIVITA’ CULTURALI

Ogni scheda contiene le diverse misure di prevenzione e contenimento riconosciute a livello scientifico per contrastare la diffusione del contagio, tra le quali: norme comportamentali, distanziamento sociale e contact tracing.
Viene espressamente previsto che le misure contenute nelle schede possano essere rimodulate, anche in senso più restrittivo, in relazione all’evoluzione dello scenario epidemiologico e che il documento potrà essere integrato con le schede relative a ulteriori settori di attività.

Le indicazioni riportate nelle varie schede si pongono in continuità con le indicazioni di livello nazionale, in particolare con il protocollo condiviso tra le parti sociali approvato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020, nonché con i criteri guida generali di cui ai documenti tecnici prodotti da INAIL e Istituto Superiore di Sanità con il principale obiettivo di ridurre il rischio di contagio per i singoli e la collettività in tutti i settori produttivi ed economici.